Open Resources – con il sostegno di Centro Servizi per il Volontariato Treviso e il Comune di Treviso – organizza Corso di Panificazione e Arti Bianche condotto da Alberto Bernardi.

In luce del successo ottenuto dai laboratori di panificazione organizzati all’interno delle attività di E-Stiamo Insieme, nel quale un gruppo di 20 richiedenti asilo ha partecipato ad un laboratorio base, Open Resources propone un corso specifico ed approfondito sulla panificazione e sulle arti bianche. 

In questa occasione saranno organizzati tre corsi avanzati di 40 ore ciascuno per un totale di 15 beneficiari.

Le attività verranno svolte all’interno di uno dei centri civici del Comune di Treviso e sarà tenuto da Alberto Bernardi, maestro panificatore che ha già realizzato i corsi precedenti.

Obiettivi generali e specifici:

– La formazione di 15 persone in condizione di marginalità sociale nel campo della
panificazione e delle arti bianche.
– L’acquisizione da parte dei 15 beneficiari di conoscenze specifiche nell’ambito della
produzione del pane.
– La promozione di un sistema di accoglienza volto a dare delle prospettive in ambito
lavorativo e di inclusione sociale
– La promozione di progetti di volontariato diretti a persone richiedenti asilo e rifugiate

I corsi si terranno:

  • dal 20 novembre dal lunedì al venerdì, 8 ore al giorno
  • dal 11 dicembre dal lunedì al venerdì, 8 ore al giorno
  • settimana da destinarsi a gennaio

Risultati attesi

Al termine del progetto i 15 beneficiari:

  • saranno in grado di padroneggiare l’arte della produzione del pane con metodi professionali
    (uso di impastatrice e forno da panificazione)
  • Riceveranno un attestato di frequenza al corso che potrà attestare delle competenze acquisite

Beneficiari: 

I beneficiari saranno 15 rifugiati (in possesso di status di protezione internazionale, umanitaria o sussidiaria) che vivono una condizione di marginalità sociale. Per tanto i beneficiari saranno individuati in sinergia con i servizi per senza fissa dimora e bassa soglia, lo SPRAR e le strutture di accoglienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment